MOSTRA NAZIONALE DEL FUNGO – CEVA

SESSANTUNESIMA EDIZIONE – 17 e 18 SETTEMBRE 2022

In occasione della 61ª edizione della Mostra Mercato Nazionale del Fungo di Ceva, la tradizionale manifestazione, che ogni anno celebra i preziosi prodotti spontanei del sottobosco, si arricchisce da quest’anno di nuove aree e soprattutto si pone un obiettivo concreto di valorizzazione e condivisione del patrimonio locale che sarà la struttura portante di ogni attività. 

Sostenibilità è la parola chiave per guardare al futuro in modo realistico e costruttivo.

Occorre impegnarsi adesso per dare al nostro territorio, alle sue comunità, un’opportunità di benessere che sia consapevole e rispettosa del futuro nostro e dell’intero pianeta. In una prospettiva in cui la crescita economica sia compatibile con la salvaguardia di ciò che di prezioso abbiamo.

Per questo, immaginando il futuro del nostro territorio ci siamo chiesti: come può una festa contribuire ad un obiettivo così grande?

Ponendosi come il luogo in cui ci si confronta, si scopre, si racconta, si fa cultura del territorio.

LA STORIA

Nata nel 1962, la Mostra si svolge da allora ogni anno, nella terza domenica di settembre, a Ceva. La Mostra del Fungo è organizzata dal Gruppo Micologico Cebano “Rebaudengo – Peyronel”, in collaborazione con il Comune di Ceva, che coordina in particolare tutte le iniziative collaterali (d’intesa con le associazioni cittadine).

La rassegna viene ideata da un gruppo di amici, appassionati della natura e del bosco, che pensano così di arricchire con una novità i festeggiamenti di fine estate. E il Settembre Cebano diventa prima una tradizione e poi il contorno di un evento scientifico di indiscusso spicco nel mondo della micologia. La manifestazione si evolve, in un continuo crescendo, consolidandosi come appuntamento irrinunciabile per i più illustri studiosi italiani e stranieri (francesi, belgi e svizzeri). A tutt’oggi viene considerata una delle rassegne del settore più quotate e qualificate a livello nazionale e internazionale, capace di attrarre migliaia di visitatori.

Nel 2004 la manifestazione ottiene il formale riconoscimento della Regione Piemonte come “Mostra mercato regionale” e, poco tempo dopo, quello di “Mostra nazionale”.

Edizioni precedenti
Parata della Banda cittadina

IL PRESENTE

Fin dalla prima edizione la mostra si è arricchita, trasformandosi con il tempo, in un continuo crescendo di esperienze, connessioni ed emozioni, diventando un appuntamento irrinunciabile non solo per il Cebano ma per tutto il Piemonte.
 
Oggi la Mostra Nazionale del Fungo si afferma come una delle rassegne del settore più qualificate a livello nazionale, capace di attrarre migliaia di visitatori ed appassionati.
Inaugurazione ultima edizione
Sessantesima edizione

EDIZIONE 2022

Nei due giorni clou dell’evento sabato 17 e domenica 18 settembre tutto il centro cittadino si anima grazie alla passione e al lavoro del Gruppo Micologico Cebano e dell’amministrazione di Ceva con la preziosa collaborazione di tante realtà associative della città dei produttori locali custodi del territorio e delle realtà agricole e artigianali provenienti da tutto il Piemonte a raccontare una cultura del cibo e della biodiversità di straordinario valore.

Un grande evento che unisce storia tradizione cultura gusto e territorio.

A partire da mercoledì tanti eventi collaterali prenderanno vita tra le piazze e le vie del centro cittadino, per anticipare questo evento che vedrà coinvolti numerosi produttori, eccellenze del territorio, cucina da gustare sul momento, la mostra micologica e molto altro! 

Per celebrare la continua trasformazione simbolo della connessione con la natura ed il territorio la Mostra nell’edizione 2022 si presenta con una nuova identità visiva che cambierà e si evolverà nel tempo: il fungo protagonista del nuovo marchio dell’evento unisce la storia al presente e la proietta nel futuro ponendosi come marchio organico in cui l’elemento illustrato del fungo creato da Maurizio Galliano cambierà ogni anno consentendo al marchio di trasformarsi insieme all’evento.

IL PROGRAMMA E LA MAPPA

Scaricate qui il programma e la mappa dell’evento

per conoscere dettagli, programma e curiosità sulla 61ª Edizione della Mostra Nazionale del Fungo di Ceva!

LA MOSTRA MICOLOGICA

Ogni anno le arcate della centrale via Marenco ospitano l’esposizione di centinaia di specie di funghi dal vivo, determinate dai micologi nelle ore immediatamente precedenti all’evento. Si tratta degli studiosi che, insieme ai volontari soci del Gruppo Micologico, partecipano alla ricerca e alla raccolta nei boschi del Cebano, particolarmente ricchi di varietà. Altre specie, invece, sono ricercate in altre valli e aree del Piemonte e della Liguria, per poter offrire al visitatore una più vasta gamma di esemplari da conoscere e osservare. Ogni anno, anche quando la stagione non è favorevole alla nascita di funghi, le specie esposte vanno comunque dalle 400 alle 700. Un “unicum” che è motivo di orgoglio e distinzione della Mostra cebana.

Ma la mostra non ospita solo i funghi… il Gruppo Micologico Cebano, inoltre, nel rispetto della “mission” a tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, cura l’esposizione di un centinaio di essenze arboree e di un centinaio di erbe e piante fresche (commestibili e velenose). Pannelli scientifici e didattici sul mondo dei funghi accompagnano il percorso del visitatore .   

 

La ricerca dei funghi è una pratica diffusa e affascinante.

Coinvolge ogni anno molti appassionati che si avventurano in montagna per svago, in un ambiente naturale rilassante, non solo a caccia del “bottino”.

Purtroppo, però, sono numerosi coloro che incappano in un incidente o un infortunio.

Ogni anno il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico soccorre una media di 300 persone su tutto il territorio nazionale.

 

Ecco un breve decalogo di consigli per prevenire incidenti o infortuni

MERCATO DELLE TERRE AUTENTICHE DI PIEMONTE, MERCATO DELLE 25 MIGLIA E MERCATO DEI FUNGHI

Tra le tante novità che accompagneranno la tradizione in questa 61esima Mostra Nazionale del Fungo, troviamo le aree dedicate ai prodotti e ai produttori del territorio, completamente rinnovate mettendo al centro dell’evento chi ogni giorno con il proprio lavoro custodisce e rende vivo il patrimonio agricolo ed artigianale locale e regionale.
 
In piazza Vittorio Emanuele saranno ospitatl il Mercato delle Terre Autentiche di Piemonte, dedicato ai produttori provenienti dai Comuni dell’Unione Montana della Valli Mongia e Cevetta, Langa Cebana e Alta Valle Bormida e il Mercato delle 25 miglia, con i produttori della filiera corta che operano in un areale entro i 40 km da Ceva. QuestI territori, di cui la Città di Ceva è la porta di accesso e il cuore, rappresentano una ricchezza straordinaria dal punto di vista della biodiversità e delle produzioni agricole e artigianali, in parte ancora da scoprire.
 
I visitatori potranno acquistare verdure ed ortaggi freschi a km “vero”, conserve deliziose, formaggi frutto di una cura sia degli animali (di specie autoctone) che dei processi di lavorazione artigianale, prodotti del bosco e del sottobosco, prodotti dell’alveare e fragranti prodotti da forno che rappresentano la cultura del cibo e agricola locali. 
 
Ma non dimentichiamo i veri protagonisti dell’evento: in piazza Vittorio Emanuele e in diversi punti del centro cittadino sarà possibile acquistare i prodotti simbolo dell’evento, i funghi!  Un tripudio di porcini freschi e secchi accoglierà i visitatori gourmet alla ricerca di questi preziosi e prelibati prodotti spontanei del sottobosco!

FIERA DEI PRODUTTORI DEL PIEMONTE

L’area dedicata alla Fiera dei produttori del Piemonte avrà come spazi dedicati il viale lungo il fiume Cevetta tra le due porte di ingresso che portano verso il Centro storico ed accolgono i visitatori.
 
Sarà una gioia per il palato scegliere tra questi prodotti che rappresentano una selezione delle eccellenze piemontesi seguendo il criterio guida della piccola produzione, di qualità e rispettosa.

LE CUCINE DEL TERRITORIO

L’edizione della Mostra Nazionale del Fungo 2022 affida un ruolo importante di custodi della tradizione gastronomica alle Cucine del Territorio, le aree dove i visitatori potranno gustare menù costruiti con passione, avendo cura di far gustare ricette non solo tradizionali ma soprattutto create con prodotti locali, tra cui naturalmente protagonista sarà il fungo.
 
Quattro i punti dove acquistare e degustare comodamente seduti i piatti: la Cucina Centrale, in piazza Gandolfi, l’area di Borgo Sottano, quella di Piazza della Libertà e infine quella di via Sauli.
Tra i piatti che si potranno gustare: i tradizionali immancabili funghi fritti, i deliziosi “Ravioli al Fungo Cebano” e il gustoso panino con la frittata che si fregiano della De.CO. comunale, la polenta saracena ai porri, ai funghi o al ragù di salsiccia artigianale, il risotto ai funghi porcini, la battuta di fassona con  funghi porcini, i peperoni con bagna cauda e tanti altri piatti ma anche salumi, formaggi e dolci in un tripudio di sapori locali.

A fianco alle cucine, quest’ anno alla manifestazione saranno presenti anche gli abbinamenti con i vini e le birre sempre dei produttori del territorio. 

ATTIVITA' OUTDOOR

Durante la Mostra Nazionale del Fungo alla sua 61esima edizione gli appassionati di sport outdoor potranno trovare nella zona di Borgo Sottano tante attività da praticare, tra cui l’arrampicata, grazie alla parete artificiale e alle guide della locale sezione CAI ma anche escursioni in e-bike e percorsi trekking alla scoperta di Ceva e della Langa Cebana, emozioni con lo spettacolo del talentuoso campione di BMX Alessandro Barbero, che a Ceva “gioca in casa”. 

Musica, birre artigianali e piatti della tradizione ma anche aperitivi con prodotti “local” daranno gusto ed energia agli ospiti più dinamici che parteciperanno alla manifestazione! 

CULTURA

Le vie e il centro storico di Ceva durante la Mostra del Fungo si riempiranno di vita, colore, gusto e cultura!
Oltre al ricco patrimonio storico e architettonico della città che sarà visitabile gratuitamente grazie all’impegno delle guide volontarie locali, all’interno della Chiesa dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Santa Caterina si aprirà la mostra di pittura “Artisti del Territorio”, coordinata dall’associazione “Ceva nella Storia” che ne curerà l’allestimento.
 
Barbara Florio, presidente dell’associazione, racconta: “Abbiamo pensato di dare risalto e importanza agli artisti presenti sul territorio iniziando con quattro pittori nostrani e nelle prossime manifestazioni proseguiremo con altri talentuosi protagonisti. Lo scopo è quello di far conoscere quanto di prezioso abbiamo nel territorio.”